#5 Host Family! ðŸ‡ºðŸ‡¸

E il fatidico giorno è arrivato! Roba di pochi attimi, mi sveglio, faccio colazione e apro la mail. Bum, infarto. Era la mia host mum che mi dava il benvenuto nella famiglia! Ancora adesso scrivendo questo post non riesco a crederci. Il posto è stupendo, andrò a niente meno che San José, California! Un paradiso di circa un milione di abitanti distante un’oretta da San Francisco! Poi diciamocelo, ho la famosa Silicon Valley a due passi da casa! 😍

Evening over downtown San Jose, California

Purtroppo non so ancora molto della famiglia, tranne che avrò 3 fratelli: Anthony (17) (e andiamooooo),  Carl (13) e Daniel (8). La mamma ha 58 anni ed è casalinga, mentre il papà ha 57 anni ed è un insegnante. Non hanno animali e avrò una camera tutta per me, fuck yeah! Frequenterò la Milpitas High School e sembra carinissima, tipica High school americana! Già mi vedo solo e perso in una struttura gigantesca ahaha

Unknown

Per ora è tutto perché più di questo non so, magari appena riceverò più notizie aggiornerò con più informazioni 🙂

E ora via di corsa per il Visa!
Cyaaaaa 😉

Annunci

#4 Farewell Italian School

“I got ninety-nine  problems but you won’t be one”

E anche quest’anno è andato. Fa un po’ strana la cosa, fino a pochissimo tempo fa maledicevo ogni singolo giorno una volta alzato da quel letto alle 6 di mattina. Ora invece sono diviso a metà, la mia testa è un eterno conflitto. Una parte di me è felicissima di aver finito la scuola, è felice di non doversi alzare più ogni mattina prestissimo, è felice di non avere più obblighi, ansie e paure. È sollevata dal fatto che potrà fare quello che le pare ogni singolo giorno e uscire quanto vorrà, ma soprattutto è in trepida attesa della partenza. L’altra parte di me è invece l’antagonista di tutto ciò appena descritto. È triste del fatto che non metterà più piede in quella routine di tutti i giorni per un anno, è demoralizzata dal fatto che non rivedrà la sua intera classe tutti i giorni, è impaurita dalla partenza che la scaraventerà verso l’ignoto. E questa si sta avvicinando. Sembra quasi un conto alla rovescia straziante, perché non so cosa aspettarmi. Ovviamente con tutto ciò non sto cercando di deprimermi e/o iniziare a ripensarci sull’anno, sta anzi aumentando sempre più la voglia di conoscere dal vivo quel fatidico giorno di partenza. L’unico augurio che posso farmi è quello di trovare una nuova e bella compagnia in America, un gruppo di nuovi amici che mi farà, per così dire, sentire a casa.
Ma c’è una cosa che continua a mettermi ansia: la destinazione.
Esatto sono ancora un orfanello, evviva. E a dirla tutta, anche se penso sia molto piccola la probabilità, inizio ad avere la costante paura di non partire perché non ho una meta. Spero che questo periodo incerto passi in fretta!
Ciao ciao classe ❤

Schermata 2014-06-07 alle 12.21.37Schermata 2014-06-07 alle 12.22.08 Schermata 2014-06-07 alle 12.21.50

#3 PRAY4MATTEO

È ufficiale, non ce la faccio più. Voglio dire, ok che non tutti ce l’hanno, però buona parte della gente dei gruppi exchange sta ricevendo la famiglia. E poi ci sono io qua a rosicare (no tranquilli, per ora non mi faccio ancora in vena per questo ahah). Ogni tanto penso agli scleri che farò quando saprò finalmente la mia destinazione, perché ora mi sento una sorta di naufrago in mare aperto. Nord o Sud? East o West Coast? Centro? BOH. Sta di fatto che mi piacerebbe davvero tanto capitare in Florida, California, Texas o Ohio (Si dai Matteo sogna che ti passa). Perché? Beh partiamo con la Florida: DIVERTIMENTO. Non so voi ma a me quello stato sembra il paese dei balocchi, tra spiagge, Orlando e chi più ne ha più ne metta sembra fantastica. Il clima poi è davvero #TOP! Che dire della California se non che è la California? (No, ma va?). Insomma quanti cavolo di stereotipi ci hanno inculcato fin da piccoli su questo stato? Hollywood, Highways giganti che accostano metropoli, San Jose, multiculturalismo e via dicendo. Il Texas mi ha sempre affascinato, ma se devo dirla tutta non so nemmeno io il perché. W i cowboy? W i rodei?….. E poi ce l’Ohio, e sapete perché merita? Beh solo perché Glee è ambientato in una cittadina dell’Ohio (dopo questa potete spararmi se volete, vi dò il consenso). Penso che comunque sia valida come argomentazione….no?……..NO? Pazienza. Anyway spero che sta cavolo di attesa stia per finire perché io di ricevere la famiglia in aereo proprio non ne ho voglia. E CON IL “C” CHE MI RITROVO SAREBBE PURE POSSIBILE.
A proposito, ho ricevuto pochi giorni fa una mail della “Mondo Insieme” con allegate le date delle riunioni Orientamento pre-partenza che si terranno a partire da Maggio. Intanto facciamoci un bel promemoria per il 15 Maggio a Mantova. Non vedo l’ora di andarci, specialmente per conoscere (spero!) gente che farà la mia stessa esperienza! (Put your hands up for the exchange students wohooo).
Beh che dire? Non molto visto che alla fin fine di novità non ne ho.
#STAYTUNED

tumblr_mo83brSexD1svnalzo1_500

#2 Keep Calm & Wait for a Host Family

-Travelling is the only thing you buy, that makes you richer-

Ok bella gente, tutto è pronto. Le mille peripezie per firmare i circa 156243863240 fogli e documenti vari per il viaggio sono a posto. La lettera di presentazione è stata fatta (non immaginate nemmeno lontanamente la fatica) così come i due collage necessari (ringrazio anticipatamente il mio fidato amico Photoshop <3). Devo ammettere che fa un po’ impressione il fatto che il tuo soggiorno americano dipenderà in gran parte da quel mucchio di parole e immagini. Mentre scrivi pensi “questo va bene, questo no” oppure “forse sarebbe meglio non scriverlo”…insomma è una bella responsabilità. Ma tralasciamo. Sta di fatto che ho spedito il dossier lunedì mattina e che ora inizia la lunga e interminabile attesa. -“Chi mi accoglierà?”- Spesso questa domanda riempie le mie giornate ora come ora. Io mi limito a incrociare le dita e a sperare che sia fantastica 🙂 Poi anche il luogo non è irrilevante. A me personalmente piacerebbe molto soggiornare nel nord-est, ma non mi lamenterei in caso di qualsiasi altra destinazione (insomma, l’importante è partire no?). Purtroppo le parole dell’agenzia riguardo ai tempi per conoscere la famiglia non sono di certo rassicuranti. Hanno detto che la scelta può avvenire 2-3 settimane dopo l’adesione così come una settimana prima della partenza. Io lo trovo molto inquietante, MOLTO. Va beh, tanto vale mettermi l’anima in pace no? Keep Calm, Keep Calm, Keep Calm, Keep Calm, Keep Calm.
E intanto aspetto.

tumblr_motblns7mZ1s9aoe6o1_500

#1 Matteo, ma che ti passa per la testa?

-What is your aspiration in Life?-

-Oh, my aspiration in life would be to be happy-

Ed eccomi qua, emozionato ma pur sempre titubante, seduto su una scrivania a fantasticare, fra un sogno e l’altro,  su che cosa il futuro mi porterà nei prossimi mesi. Eh già, perché l’insicuro e timido Matteo che conoscevo, ha lasciato il posto ad un Matteo tutto nuovo. Ancora me ne stupisco. Poco tempo fa l’idea di lasciare la famiglia e tutti i cari amici sarebbe semplicemente scivolata via dalla mia mente, un semplice “ma no, figurati, non essere idiota” avrebbe risolto tutti i miei problemi. Figuriamoci se incluso ci fosse stato anche il fattore “dall’altra parte del mondo”. E poi è avvenuto l’incontro con l’associazione Mondo Insieme. Improvvisamente, quasi come se non ci fosse un domani sul quale continuamente pensare, mi sono buttato in questa esperienza, probabilmente trascinato dall’imprevedibilità della vita stessa e dalla grandissima voglia di crescere. Ammetto che in me c’è sempre stato questo desiderio di andarmene dal “nido”, di esplorare posti diversi e trattenere quanto più il mondo potesse offrirmi. Ma soprattutto il mio amore per l’America c’è sempre stato, prima lì, nascosto e che non si faceva sentire. Poi è apparso e ‘tac’, il gioco è fatto. E poi c’è sempre lui, l’amore incondizionato per l’Inglese che mi ha motivato nella scelta. Dai Matteo pensa che al rientro (speraci per lo meno) lo riuscirai a parlare bene! Insomma per farla breve, *rullo di tamburi*, farò 10 mesi negli USA! E questo è soltanto l’inizio di una (spero) fantastica avventura.

inspirational-quotes-28